Essere un bravo webwriter: cosa bisogna sapere

by Dec 11, 2015Content0 comments

Il tuo sogno è quello di diventare un web writer? Sicuramente avrai letto e riletto che la scrittura sul web ha delle regole che la differenziano rispetto a quella su carta.

L’ultima cosa da fare per diventare bravi web writer è imparare delle linee guida a macchinetta senza comprenderle davvero. È quindi necessario conoscere le caratteristiche fondamentali del web.

Avere una conoscenza della natura del web ti permetterà di gestire al meglio ogni situazione che ti capiterà nel tuo percorso professionale.

Cosa rende speciale la scrittura sul web?

Ecco le caratteristiche che un web writer deve conoscere.

È più faticosa da leggere

Come ha spiegato Jacob Nielsen nel 1999, la lettura su schermo è circa il 25% più lenta di quella su carta. Per diverse ragioni gli occhi si stancano prima.

Le pagine cartacee ricevono la luce da fonti esterne e la riflettono negli occhi del lettore, invece il monitor emette lui stesso la luce, che quindi risulta più intensa.

Questo limite si sta attenuando nel tempo, ma per adesso se possiamo stare ore immersi nelle pagine di un libro, lo stesso non vale per un  sito.

Il compito del web writing è quindi molto importante, e consiste nell’agevolare il più possibile la lettura degli utenti web. Proprio perché la lettura online è più lenta e faticosa, non leggiamo mai riga per riga, ma scorriamo la pagina web alla ricerca di “appigli visivi” che ci possano dare informazioni circa i contenuti.

Il web writer deve essere consapevole che la scrittura sul web ha delle peculiarità proprio perché la lettura è diversa rispetto a quella su carta.

È un ipertesto

La scrittura sul web ha una natura ipertestuale. Scrivere un testo per il web richiede quindi una vera e propria progettazione.

È un ambiente dinamico

Il libro cartaceo è un oggetto chiuso e definito. Una volta uscito dalla casa editrice, non cambia.

I quotidiani cartacei riportano solo le notizie che arrivano in redazione prima della stampa. Un sito è sempre in evoluzione, cresce, cambia.

Le pagine online possono essere modificate con facilità e rapidità.

Non è lineare

Un libro cartaceo di norma ha un inizio, una parte centrale e una fine, le pagine sono numerate e c’è un indice. Un sito non ha confini definiti.

La home page potrebbe essere considerata una sorta di inizio, ma non è detto che l’utente acceda direttamente da lì.

Tuttavia ogni sito web deve avere un’organizzazione e una struttura gerarchica esplicitata dalla mappa del sito e dal menu di navigazione.

Starà poi all’utente scegliere il proprio percorso di lettura in base alle sue esigenze.

Compito del web writer è quello di facilitare la consultazione.

Ha una struttura modulare

In questa sede con il termine modulo intendiamo una parte di un sistema concepibile come autonoma e separabile dal resto.

I siti web hanno una struttura modulare, ovvero hanno contenuti autonomi, seppure interconnessi.

Poiché l’utente in genere naviga sul web per cercare informazioni, il web writer deve fare in modo che ogni pagina di un sito sia autosufficiente.

L’utente deve poterne fruirne indipendentemente dalle altre componenti del sito, e deve trovare tutte le informazioni di cui ha bisogno.

Esse devono essere presentate in maniera sintetica e precisa, senza divagazioni.

È interattiva

A differenza della carta stampata, un sito web reagisce alle vostre azioni: scrivendo un parola chiave nel campo cerca, genera una lista di risultati; facendo click su un link, si apre una nuova pagina.

È possibile compiere delle azioni: comprare un libro, scaricare un documento, iscriversi a un corso. L’utente svolge un ruolo attivo, invia un input e riceve dal sito un feedback.

La navigazione è interattiva.

Il web writer deve sapere gestire i diversi livelli di interazione, variando a seconda dell’obiettivo.

Queste sono alcune delle caratteristiche del web che un web writer, o chi si occupa di Content Marketing, deve sempre tenere presente.

Per approfondire l’argomento, ecco un consiglio per l’acquisto: “Scrivere per il web”, di Daniele Fortis.

0 Comments

Submit a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.