Come organizzare i contenuti di un blog in modo efficace!

da Gen 20, 2016Content0 commenti

Aprire è un blog è un operazione in sé molto semplice, più complicato è senza dubbio saper sfruttare al meglio questo strumento.

Infatti il blog necessita di molta costanza e di un grande lavoro di pianificazione. Solo così si potranno ottenere risultati.  Progettare contenuti di qualità aumenta il valore del tuo blog e le probabilità che gli utenti tornino a consultare i tuoi articoli.

La scelta del tema e degli argomenti è quindi una fase fondamentale. Dopo aver fatto quest’importante scelta, bisogna definire l’organizzazione interna del blog.

Come organizzare gli argomenti del tuo blog?

 

Sfruttare il calendario editoriale

 

Per prima cosa, gli argomenti del blog si possono organizzare con un Piano Editoriale o con una semplice mappa mentale. In che modo?

Al centro si inserisce il topic centrale del blog e nei nodi si sviluppano gli argomenti. Una volta decisi gli argomenti si passa ai contenuti. Per organizzarli bisogna ricorrere a una strategia, che poi dovrai applicare nel calendario editoriale. Si tratta di uno strumento molto importante, un documento per organizzare i contenuti e mantenere costante il ritmo delle pubblicazioni.

Per scegliere che tipo di post pubblicare è necessario  conoscere il proprio pubblico e capire che cosa gli interessa.

Il calendario editoriale permette di schematizzare e mettere in ordine le pubblicazioni più adatte ai tuoi lettori, in modo da soddisfare le loro esigenze. 

Esistono diversi modi per preparare un calendario editoriale. A proposito, hai già scaricato il nostro modello gratuito? Lo trovi in questo articolo di approfondimento su Piano e Calendario Editoriale!

 

Scegliere i contenuti da pubblicare

 

La struttura del blog deve prevedere diversi tipi di contenuti; questo vuol dire che il calendario per essere efficace deve variare ed essere flessibile.

I post si dividono in tre grandi categorie: cornerstone content, pillar article e articoli generici. Vediamoli insieme:

  • Cornestone content: sono la base del blog. I contenuti  che definiscono i punti fondamentali della tua attività.  Ecco la definizione di Copyblogger:

“A cornerstone is something that is basic, essential, indispensable, and the chief foundation upon which something is constructed or developed. It’s what people need to know to make use of your website and do business with you”.

I cornestone content definiscono gli elementi fondamentali della tua attività, affrontano il tema principale del blog in maniera precisa e servono ai lettori per comprendere quello di cui ti occupi.

Si tratta di un contenuto utile, che risponde a una domanda del tuo lettore ideale. Un esempio: se il tuo tema è il blogging, un cornestone content potrebbe essere “come aprire un blog”.

  • Pillar article: sono i contenuti pilastro. Come i cornestone, devono essere ricchi e aggiornati. Sono tutti quegli articoli che approfondiscono un argomento, come ad esempio i tutorial o gli how toLa differenza è che mentre i cornestone si rivolgono a un pubblico base, i pillar rispondono a domande più specifiche.
  • Articoli generici: tutti gli altri articoli che riempiranno il tuo blog. Interviste, previsioni, opinioni. Oppure puoi approfondire un aspetto che hai solo citato in un altro articolo. Per esempio, se in un articolo sul seo copywriitng hai citato dei tool per la scelta delle parole chiave, potresti scrivere un articolo per approfondire ogni singolo tool.

 

Decidere tag e categorie

 

Scegliere tag e categorie è una fase fondamentale dell’organizzazione dei contenuti. Questi elementi devono per prima cosa essere dei punti di riferimento per navigare nel tuo blog.

Tag e categorie devono essere differenti. In particolare, le categorie devono essere dei macro-contenitori, per esempio “copywriting”, e i tag delle segmentazioni dell’argomento generale.

Le categorie chiariscono con precisione di cosa parla il tuo blog. Il lettore, leggendo le categorie, dovrebbe riuscire a farsi un’idea generale di cosa troverà se deciderà di leggere i tuoi post.

I tag invece permettono di evidenziare il contenuto di ogni singolo post, ovvero identificano di cosa si parla all’interno di un post.

 

Questi erano alcuni consigli per organizzare la struttura di un blog. Qual è il vostro approccio a questa delicata fase?

0 commenti

Invia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.